25 marzo 2019

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

News

16.05.2014

Avanti con l'umanizzazione  del Pronto Soccorso

Da sinistra: l'Assessore regionale alla Sanità Luca Coletto e il Governatore del Veneto Luca Zaia
Da sinistra: l'Assessore regionale alla Sanità Luca Coletto e il Governatore del Veneto Luca Zaia

La giunta regionale, su proposta dell'assessore alla sanità Luca Coletto, ha stanziato una somma complessiva di circa 523.000 euro per proseguire nella realizzazione della riforma nel senso dell'umanizzazione nei Pronto Soccorso del Veneto.
Il provvedimento è stato illustrato dal presidente della Regione Luca Zaia nel corso del punto stampa tenutosi dopo la riunione dell'esecutivo e prevede un finanziamento di 450 mila euro per finanziare 30 borse di studio annuali di 15.000 euro l'una da destinare ad altrettanti laureati in materie sanitarie (infermieristica o medicina) da mettere all'opera nelle sale d'attesa per tenere i contatti informativi con i pazienti in attesa e i famigliari di quelli all'interno degli ambulatori. 73.350 euro serviranno invece per attivare una veloce formazione specifica sui comportamenti da tenere.
"Come detto fin dal primo giorno - ha tenuto a sottolineare il Governatore - tutto deve andare a regìme entro settembre e così sarà. Con questa delibera investiamo anche sui giovani che si apprestano a varcare la soglia delle professioni sanitarie. Credo sia un'esperienza assolutamente formativa che essi possano partire dalla gavetta, da una sala d'attesa del Pronto Soccorso, dal rapporto diretto con i pazienti".
Il Progetto di Formazione, affidato all'Ulss 9 di Treviso, presenta tre linee di sviluppo: Corso per il personale dipendente afferente ai Pronto Soccorso, operatori socio sanitari dedicati o a supporto, infermieri di triage o di sala; Corso per laureati in scienze infermieristiche con borsa di studio dedicata allo svolgimento di un tirocinio annuale; Corso di formazione per l'operatore volontario.
"Ma non ci fermiamo qui - ha incalzato il presidente - perché vogliamo arrivare ad un Pronto soccorso dove non debba accadere che un paziente aspetti ore e ore per avere una prestazione. Stiamo infatti lavorando ad una nuova delibera, che approveremo quanto prima, con la quale andremo a rivedere i protocolli operativi e porremo un limite orario plausibile da non superare per ogni paziente che, fatta la media, dovrà aggirarsi attorno alle 4 ore. C'è anche una questione legata al numero del personale - ha aggiunto - e dove necessario assumeremo senza problemi. Siamo però convinti che suppergiù l'80% della questione sia legata ad aspetti organizzativi e di protocollo operativo e lì andremo ad intervenire".
Il Presidente ha concluso ricordando che la stragrande maggioranza delle lamentele arrivano da persone che hanno un codice bianco o verde (i due meno gravi che assommano a circa il 70% di tutti i 2 milioni annui di accessi ai Pronto Soccorso), "ed in questo senso stiamo lavorando anche per dare vita ad una grande alleanza con i medici di medicina generale. L'accordo ancora non c'è, ma il lavoro prosegue con costrutto". Intanto va avanti un'altra rivoluzione. Ci sono due scadenze da rispettare rigorosamente. Non oltre il 29 maggio c'è da consegnare in Regione a Venezia il progetto definitivo. Il primo settembre si inizia davvero. Parte il nuovo sistema organizzativo per accogliere in pronto soccorso pazienti e familiari, e gestire la delicata fase dell'attesa per le persone che stanno male e per coloro che li accompagnano. E' stata la prima cosa che il governatore Luca Zaia ha chiesto alle Ulss con decisione all'inizio del mandato per dare una svolta a un problema che, anche nel Veneto, crea malessere, e sul quale, come detto, da sempre si appunta la maggior parte delle lamentele della gente. Ora, dopo riunioni, discussioni, esperimenti a Belluno, Arzignano e Treviso, dopo il lavoro di una commissione coordinata dal Creu regionale, alla quale hanno preso parte i primari di tutti i pronto soccorso del Veneto, e il varo di un documento finale che detta gli standard per tutte le aziende, si dà il via a un nuovo corso in cui c'è pure da attuare la parte, altrettanto importante, del programma che riguarda la gestione dei flussi, per evitare perdite di tempo, sovrapposizioni e passaggi inutili, e i percorsi, perché le cose vadano per il verso giusto, vanno concordati con i medici di base. Sciolte anche le riserve sulla figura-cardine del nuovo ciclo, che avrà il compito di fare da trait-d'union con gli utenti: l'assistente di sala. Gli "steward" del pronto soccorso potranno, appunto, essere infermieri neo-laureati segnalati dalla direzione sanitaria, operatori socio-sanitari interni anche staccati da altre mansioni, volontari delle associazioni. Per tutti, prima di iniziare un'avventura davvero inedita, un corso di formazione durante l'estate. Un ultimo incontro a Montecchio Precalcino con i tecnici dell'assessorato alla sanità della Regione ha dato il via finale a un'operazione semplice sulla carta ma poi non poco complessa nella pratica, perché si tratta di rivedere radicalmente il sistema su una serie di fronti: comfort ambientale, informazione, accoglienza, accessi. Ci vogliono lavori e risorse. Non facile cambiare di punto in bianco strutture, schemi, mentalità. L'obiettivo è di migliorare il grado di soddisfazione del paziente creando un clima più sereno e controllato, dimostrando un'attenzione diversa perché si aspetti il proprio turno senza sentirsi un numero dimenticato fra muri grigi e malinconici, ma anche adottando correttivi per ridurre affollamento e tempi. La rivoluzione comincia dagli spazi. Non più una sala asettica e file monotone di sedie che, nelle ore di maggior "traffico", non bastano per tutti, ma un ambiente spazioso, climatizzato, luminoso, pareti e pavimenti colorati, contrasti cromatici per delimitare aree e percorsi. Inoltre, zone corrispondenti ai codici di urgenza e angoli appartati per i familiari dei pazienti più gravi, lo sportello-triage collocato in modo da garantire la privacy, e, per gli stranieri, la possibilità di consultare un interprete. Attenzione massima, poi, per la segnaletica (in italiano e inglese), e per i servizi (ci saranno prese elettriche, set di ricarica per telefoni cellulari, distributori automatici di bevande calde e fredde, wi-fi, un totem internet). Per ottimizzare l'informazione pannelli e opuscoli multilingue per spiegare precedenze, ticket, esenzioni, e un monitor per aggiornare su attività in corso, pazienti in attesa e in trattamento.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
Dagli Usa ok al primo farmaco contro depressione post parto
L'adolescenza? Finisce solo a trent'anni
Il tè verde aiuta a lottare contro l'obesità
Giornata mondiale del sonno. Sondaggio: il colore può influire
Hai di fronte una sfida importante? Fai un bel respiro
Lo smog uccide più delle sigarette: 8,8 milioni di vittime all'anno
Vaccini: «Senza certificato, lunedì niente asilo per i bimbi»
Prova per la prima volta una protesi al braccio, l'emozione del bimbo: «Posso tenerla?»
Arresto cardiaco, evitabile una morte su tre. Denuncia del 118
È scritto anche nei geni se il tuo matrimonio sarà felice
Scolari iperattivi, arriva in Italia la "bici-banco"
Felicità è andare in bici, il mezzo di trasporto che dà più soddisfazione
Percorso integrato per le pazienti di Senologia
Infermieri, sempre protagonisti
Pronto Soccorso:  si rinnova per  un servizio migliore
C'è l'ok della Regione:  il nuovo Atto Aziendale è diventato realtà
Disabilità ortopediche  e neurologiche
La riabilitazione dopo l'infarto
Centro di raccolta sangue e molto altro
Ospedale di Lonigo polo di eccellenza nella riabilitazione
Sicurezza garantita a pazienti e personale
Per i disturbi alimentari
Avanti con l'umanizzazione  del Pronto Soccorso
Assistenza fondamentale per le categorie più deboli
Test di ingresso a Medicina: si va verso una riforma
Al via un corso intensivo  per smettere di fumare
Prestigioso premio per il prof. Ronco
Il ruolo dei Servizi Veterinari
Vicenza: innovazione nella sanità
Malghe: un patrimonio prezioso
Luca Zingaretti al Comunale per sostenere il San Bortolo
La sicurezza dei prodotti dei caseifici d'alpeggio
Servizi di qualità per gli utenti
Un momento difficile ma intrigante
Zaia: "Raggiunte molte mete.
La squadra ha lavorato forte"
Antonio Compostella: "Vogliamo rafforzare lo spirito aziendale"
Ripianificazione per l’anno 2013
Riabilitazione in acqua all’ospedale di Lonigo
Tecniche di assistenza a domicilio:
ci sono i corsi per "caregiver"
Ecografia preospedaliera: una sfida avvincente
Molte le iniziative di integrazione
Cosa offre il servizio
Sportello Integrato: diventa
realtà nel territorio dell’ULSS5
Servizio di Mediazione Culturale
Un’ortopedia di alto livello per l’ULSS5
La prenotazione poliambulatoriale
Il programma "Icaro"
L’impegno dell’ULSS5 contro l’abuso di alcol
Si ampliano le aperture serali
L’importanza dell’allattamento
L’Ospedale diventa amico dei bambini
Parte l'avventura del nuovo Ospedale
Unico: i programmi dell’Ulss5
Il Project Financing: cos’è
Un aiuto ai bisognosi con il "cibo solidale"
Fibra ottica per l’Ospedale Unico
All’ULSS4 screening mammografico su misura
Gli esami effettuati: alcuni numeri
Tempi record per l’accordo
tra l’ULSS4 e l’INAIL
Radiologia di sera e il sabato
Integrazione lavorativa persone con disabilità
Accoglienza migliore nell’Ospedale Unico conivolontari dell’AVO
"Il mandato dei DG durerà cinque anni"
Percorso integrato per le pazienti di Senologia
Infermieri, sempre protagonisti
Pronto Soccorso:  si rinnova per  un servizio migliore
C'è l'ok della Regione:  il nuovo Atto Aziendale è diventato realtà
Disabilità ortopediche  e neurologiche
La riabilitazione dopo l'infarto
Centro di raccolta sangue e molto altro
Ospedale di Lonigo polo di eccellenza nella riabilitazione
Sicurezza garantita a pazienti e personale
Per i disturbi alimentari
Avanti con l'umanizzazione  del Pronto Soccorso
Assistenza fondamentale per le categorie più deboli
Test di ingresso a Medicina: si va verso una riforma
Al via un corso intensivo  per smettere di fumare
Prestigioso premio per il prof. Ronco
Il ruolo dei Servizi Veterinari
Vicenza: innovazione nella sanità
Malghe: un patrimonio prezioso
Luca Zingaretti al Comunale per sostenere il San Bortolo
La sicurezza dei prodotti dei caseifici d'alpeggio
Servizi di qualità per gli utenti
Un momento difficile ma intrigante
Zaia: "Raggiunte molte mete.
La squadra ha lavorato forte"
Antonio Compostella: "Vogliamo rafforzare lo spirito aziendale"
Ripianificazione per l’anno 2013
Riabilitazione in acqua all’ospedale di Lonigo
Tecniche di assistenza a domicilio:
ci sono i corsi per "caregiver"
Ecografia preospedaliera: una sfida avvincente
Molte le iniziative di integrazione
Cosa offre il servizio
Sportello Integrato: diventa
realtà nel territorio dell’ULSS5
Servizio di Mediazione Culturale
Un’ortopedia di alto livello per l’ULSS5
La prenotazione poliambulatoriale
Il programma "Icaro"
L’impegno dell’ULSS5 contro l’abuso di alcol
Si ampliano le aperture serali
L’importanza dell’allattamento
L’Ospedale diventa amico dei bambini
Parte l'avventura del nuovo Ospedale
Unico: i programmi dell’Ulss5
Il Project Financing: cos’è
Un aiuto ai bisognosi con il "cibo solidale"
Fibra ottica per l’Ospedale Unico
All’ULSS4 screening mammografico su misura
Gli esami effettuati: alcuni numeri
Tempi record per l’accordo
tra l’ULSS4 e l’INAIL
Radiologia di sera e il sabato
Integrazione lavorativa persone con disabilità
Accoglienza migliore nell’Ospedale Unico conivolontari dell’AVO
Una nuova area bimbi nell’Ospedale Unico
Più accoglienza per le mamme
In casa e a tavola
Emergenza caldo: ecco come affrontarla
Insegnanti polacchi
in visita a Santorso
Traslochi: nessuno
spreco a Schio e Thiene
Ricetta elettronica e prenotazione degli interventi chirurgici
Per l’Alzheimer e altre demenze
BASSANO. Ulss: "Comprese le peculiarità del territorio"
"Noi e gli altri", dove
l’inclusione diventa realtà
Le sedi dell'iniziativa
Laboratori artigianali
di inclusione sociale
Per una presa in carico globale
Unapproccio innovativo alla disabilità
Il laboratorio di
genetica medica
Peri disabili gravi
c’è il Centro "Ancore"
Nuovo Centro Diurno, per mettere
sempre "La Persona al Centro"
Un aiuto concreto con "Il Raggio Verde"
Sanità più semplice
per i turisti in Croazia
A Bassano gli specialisti delle ulcere
Nuove tecnologie: arriva la telesanità
Due reti di telemedicina per le 4 ULSS
"La Regione ha premiato il ruolo di Vicenza"
Entro un anno le Ulss pagheranno i fornitori
"Il mandato dei DG durerà cinque anni"