18 febbraio 2019

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Finestra sul mondo

15.11.2018 Tags: CITTÀ DEL VATICANO , Cei

Nel messale cambia la preghiera del Padre Nostro

CITTÀ DEL VATICANO. Cambia la preghiera del Padre Nostro. Il testo della nuova edizione del messale romano sarà sottoposto alla Santa Sede «per i provvedimenti di competenza, ottenuti i quali andrà in vigore anche la nuova versione del Padre Nostro, "non abbandonarci alla tentazione", e dell'inizio del "Gloria", "pace in terra agli uomini amati dal Signore"».

Il nuovo Padre Nostro, contenuto nella traduzione del messale approvata dalla Cei, è stato sottoposto alla attenzione della Santa Sede. Il versetto "non ci indurre in tentazione" diventa: "non abbandonarci alla tentazione".

I tempi perché entri in vigore non dovrebbero essere lunghi, considerato che la modifica di quel versetto era stata incoraggiata dallo stesso Papa Francesco - «non è una buona traduzione» aveva detto, perché Dio «non induce in tentazione». Inoltre, modifiche alla preghiera è stata fatta da altre conferenze episcopali, come quella francese.

Ma chi vorrà, potrà anche cominciare a recitare il nuovo "Padre Nostro" da subito, dalla messa di domenica.

Puoi leggere anche

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1