19 febbraio 2019

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Finestra sul mondo

12.02.2019

Montalbano sale a bordo della "Diciotti", volano gli ascolti

Montalbano, gli ascolti volano nella serata del ventennale dell'amatissima serie; il primo episodio "Il ladro di merendine" andò in onda nel 1999. Sono stati 11 milioni 108 mila (con uno share del 44.9%) i telespettatori che hanno seguito ieri su Rai1 l'atteso appuntamento con un nuovo episodio de "Il Commissario Montalbano", tratto dai romanzi di Andrea Camilleri con la regia di Alberto Sironi.

Per festeggiare Montalbano è tornato sulla rete ammiraglia con l'episodio "L'altro capo del filo". Lunedì 18 febbraio sarà, invece, la volta di "Un diario del '43".  Accanto a Luca Zingaretti, nella parte del commissario, come sempre ci sono Cesare Bocci (Mimì Augello), Peppino Mazzotta (Fazio), Angelo Russo (Catarella) e Sonia Bergamasco nel ruolo di Livia.

 

I due nuovi episodi, trasmessi da Rai in esclusiva e in prima visione, fanno salire a 34 film complessivi la serie evento. Nel primo, "L’altro capo del filo", trasmesso ieri sera il commissario accoglie i migranti «proprio sulla nave Diciotti» rivela il regista Alberto Sironi. E la cosa ha suscitato clamore. Diviso il popolo di Twitter: chi vi ha visto una provocazione al governo e chi difende a spada tratta Montalbano. «Montalbano #Rai propaganda pro #clandestini! Chiudo!», o ancora: "#Camilleri scrive sull’immigrazione fin dal «Ladro di merendine» del 1996, quando Livia adotta Francois. Quindi, o imparate a leggere i libri veri e vi indignate a tempo debito».

Ma è stato proprio il ministro dell’Interno Matteo Salvini a mettere fine alle polemiche, pubblicando su Twitter una sua foto sorridente con alle spalle il televisore che trasmette la puntata di Montalbano e «io adoro Montalbano» come didascalia. Il leader della Lega e vice premier, ospite di "Porta a Porta" prima dell'inizio della puntata ha commentato: «Andiamo in onda dopo Montalbano che va a soccorrere un barcone di immigrati, ma adoro Montalbano». 

 

Le riprese dell'episodio sono state fatte, infatti,  nella primavera 2018, mesi prima che la nave fosse al centro del caso politico e giudiziario che coinvolge il ministro Salvini. «Per rendere la fiction il più possibile realistica - prosegue Sironi - io e la troupe siamo saliti sulla nave della Guardia Costiera e abbiamo assistito agli sbarchi reali. Abbiamo visto immagini che mai verranno trasmesse in tv».

Il regista svela anche che Montalbano non finisce: «A breve inizieranno le riprese di altri tre episodi. Uno è tratto dall’ultimo romanzo di Andrea Camilleri "Il caso Catalanotti".

 

Il successo delle storie del commissario di Vigàta, oltre alle prime visioni sempre vincitrici della serata, ha raggiunto, nelle ultime serie, punte di ascolto di ben oltre i 12 milioni di spettatori e il 44% di share, e si è consolidato negli anni anche grazie alle oltre 150 repliche in prima serata che hanno continuato ad ottenere ascolti record anche al sesto o settimo passaggio televisivo.

Montalbano è stata la prima serie italiana venduta all'estero, trasmessa negli anni in oltre 65 Paesi tra Europa e resto del mondo, anche in Paesi molto diversi per audience come la Gran Bretagna e gli Stati Uniti. Montalbano, inoltre, è andato in onda in tutti i continenti, dall'Asia al Sudamerica passando anche per l'Iran. 

Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1