Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
30 aprile 2017

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Periscopio

scegli sezione
La miss sfregiata con l'acido: «Ecco cosa mi ha fatto»

20.04.2017

La miss sfregiata con l'acido: «Ecco cosa mi ha fatto»

ROMA. «Voglio che si veda cosa mi ha fatto: questo non è amore».  È per questo che Gessica Notaro, 27enne di Rimini, l'ha fatto. È per questo che ha deciso di togliersi quel foulard che le avvolgeva viso e capelli. La giovane, aggredita e deturpata con l'acido dal suo ex fidanzato Jorge Edson Tavares all'inizio dell'anno, ha scelto il salotto del Maurizio Costanzo show per confidarsi per la prima volta in tv. 

Gessica, tra le finaliste di Miss Italia 2007, ha lamentato tra l’altro il fatto che, dopo la prima denuncia ai danni dell’ex fidanzato, la procura chiese l’arresto per il capoverdiano, ma il gip di Rimini dispose il divieto di avvicinamento alla ragazza. Qualche mese dopo, a gennaio, Tavares la aggredì con l’acido.

 

Durante la puntata, che andrà in onda stasera in seconda serata su Canale 5, è intervenuto in collegamento telefonico anche il ministro della Giustizia Andrea Orlando, annunciando che incontrerà Gessica il prossimo 27 aprile. Costanzo - spiegano dalla redazione del programma - ha invocato un intervento di Orlando per aprire un’inchiesta sulla vicenda: il ministro, intervenuto al telefono, ha spiegato di non poter entrare nel merito, dando però appuntamento a Gessica per giovedì prossimo. «È la prima volta in 30 anni di Costanzo show - ha commentato il conduttore ringraziando Orlando - che un ministro trova una soluzione così immediata».

Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1