Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
giovedì, 15 novembre 2018

Bufera sulla pizza mangiata da Stefano Accorsi a San Marco

Stefano Accorsi mentre mangia la pizza sul cartone in piazza San Marco

VENEZIA. La pizza mangiata di notte dall'attore Stefano Accorsi in piazza San Marco, sul tavolino di un bar chiuso, continua a far discutere a Venezia. Accorsi non ci sta alla polemica sulla sua pizza sopra il cartone e a chi l'ha criticato risponde: «Non mi sembra mancanza di rispetto o di decoro. Anzi, mi sembra un bellissimo modo di godere della Bellezza d'Italia. Tanto più se poi si butta il cartone nell'apposito cestino».

 

In un post su Istagram l'attore torna così su quella che è stata definita la "provocazione" della pizza da asporto nel salotto di Venezia: «Leggo un po' dovunque che questa foto ha creato una polemica", scrive, citando le critiche dei pubblici esercenti di Venezia - "Accorsi si è preso una pizza? Se la porti in camera, non ci si può comportare così, trattando la piazza come se fossero giardini pubblici"». «Ma invece forse - continua l'attore nel post - è solo perché l'ho mangiata in smoking e con le mani? Chiedo venia, però... mi sono attenuto al galateo».

 

Per l'associazione "Piazza San Marco", tuttavia, il gesto di Stefano Accorsi porta con se' dei rischi: «Vorremmo che si evitasse un effetto emulazione» commentano. «Quello che ci spaventa - prosegue Claudio Vernier presidente dell’associazione - è che da questo gesto parta il messaggio che a Venezia, dopo una certa ora, si può tranquillamente mangiare una pizza da asporto in piazza San Marco». «Fossi stato io a mangiare la pizza, o chiunque altro che non ha un profilo pubblico - prosegue Vernier - non sarebbe successo niente, la notizia non avrebbe avuto questa eco. Per questo credo che i personaggi pubblici, prima di fare anche una semplice goliardata, debbano pensare alle conseguenze delle proprie azioni, proprio perchè possono essere emulati. Se questi comportamenti si moltiplicano, possono indubbiamente portare danni a un luogo particolarmente delicato, com’è questa piazza».

 

Accorsi, però, non ci sta alla polemica: «Ora... capisco - scrive - che il turismo selvaggio di chi butta rifiuti per terra, fa il bagno nelle fontane e getta i mozziconi vada contrastato, ma se alle 2 passate di notte l’unico posto aperto è una pizzeria - che fa un’ottima pizza - e uno la mangia sui tavolini di un locale chiuso, in una delle piazze più belle del mondo, non mi sembra sia mancanza di rispetto o di decoro».