18 febbraio 2019

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Finestra sul mondo

27.10.2018

A Roma il murales "mangia-smog" più grande d'Europa

Il murales di mille metri quadrati realizzato con una pittura anti-inquinamento
Il murales di mille metri quadrati realizzato con una pittura anti-inquinamento

ROMA. Un murales di mille metri quadrati realizzato con una pittura anti-inquinamento in grado di ripulire l'aria come un bosco di 30 alberi. È "Hunting pollution", l'opera inaugurata oggi a Roma, in via del Porto Fluviale, in zona Ostiense. Nato da una idea di Yourban2030, no-profit al femminile guidata da Veronica De Angelis, il murales - che copre completamente un edificio - è stato realizzato dall'artista Federico Massa (alias Iena Cruz) utilizzando la tecnologia Airlite, una pittura mangia-smog.

Si tratta del più vasto murales d'Europa a utilizzare questa tecnica, la più grande opera, è stato spiegato, «di street art rigenerativa» del continente. "Hunting pollution" rappresenta un airone tricolore, specie in estinzione, in lotta per la sopravvivenza. L'uccello cattura la sua preda in un mare gravemente compromesso, ma contribuisce lui stesso a cacciare l'inquinamento da uno degli incroci più trafficati della città. 

Iena Cruz, milanese con esperienze tra New York, Miami e Barcellona, non è nuovo a questi temi: da qualche anno i suoi lavori denunciano proprio i rischi del cambiamento climatico e le minacce alle specie in via d'estinzione. Il progetto porta Roma, è stato sottolineato, a ricoprire un ruolo leader tra le capitali europee nell'abbattimento degli ossidi d'azoto emessi dalle auto.

 

A eliminarli, assieme al benzene e la formaldeide, ci pensa in questo caso la pittura Airlite: 12 metri quadrati di questo prodotto possono eliminare tutto l'inquinamento prodotto in un giorno da un'auto. Inoltre agisce contro il fumo di sigaretta e i cattivi odori, ed elimina anche i batteri resistenti agli antibiotici. Con questo progetto inizia anche la collaborazione tra Yourban2030 e la no-profit "Air is Art" di Kristen Grove, che dal 2017 vuole fondere arte sostenibile e comunità culturali.


 

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1