Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
15 ottobre 2018

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

22.10.2009

L'insegnante
a fumetti
tra educazione
e fantascienza

Dal curriculum vitae di Marco Benetti: "Marco Benetti nasce a Montreal nel 1974. Si diploma in Pittura all'Accademia di Belle Arti di Venezia. Nel '97, '99 e 2000 viene selezionato per esporre alla Mostra Internazionale di Illustrazione di libri per ragazzi - sezione Non Fiction di Bologna. Nel 2001 collabora con la NTC Publishing di Chicago per la realizzazione di un testo a carattere didattico. Dal 2001 insegna Discipline Pittoriche nei Licei Artistici e Scuole d'Arte della provincia e dal 2008 è in servizio presso il Liceo Artistico Statale di Vicenza. Dal 2004 tiene corsi di disegno e approfondimenti per adulti presso Ossidiana, Centro Culturale e di Espressione di Vicenza. Nel 2006 viene premiato a Lucca Comics & Games come vincitore ex-aequo del concorso di disegno “Illustrare Charme”.

Dal 2007 è assistente alla didattica presso i corsi di specializzazione post-universitari per insegnanti della scuola secondaria della S.S.I.S di Venezia - Indirizzo Arte e Disegno. Nel 2009 vince il primo premio speciale del pubblico al concorso indetto dalla Cooperativa Sociale Insieme di Vicenza “Che idea! Riciclo! Fumetti per un futuro sostenibile”. Nello stesso anno espone a Vinci (FI) alla Festa dell'Unicorno aggiudicandosi il secondo posto al concorso “Nuvole di Fantasia” . Per l'associazione La Gilda del Grifone realizza un'immagine di fantascienza con la quale viene premiato in occasione della manifestazione Gioca Loreto (TO)».

Benetti viene invitato da Satyrnet come disegnatore a Romics 2009 con il disegno “Il ritorno degli Inca”. Ecco il suo racconto di quell'esperienza.

«A fine settembre sono stato contattato da Satyrnet, organizzazione che gestisce la fiera del fumetto di Roma, e invitato a partecipare come disegnatore al Romics con un piccolo spazio espositivo. Oltre all'occasione di poter dare visibilità ai miei lavori in un contesto simile, a rendere speciale l'evento è stata la possibilità di disegnare dal vivo per il pubblico. All'inizio ero un po' preoccupato perché non mi ero mai esibito di fronte a così tante persone: in genere preferisco disegnare senza nessun osservatore ma, una volta realizzati i primi schizzi le paure sono svanite naturalmente. Gli spettatori erano molto attratti e incuriositi dal disegno-live e continuavano a richiedermi fogli con dediche. Sembrava che tutti fossero a caccia della tavola originale eseguita al momento più che del poster o della stampa.

Ho lavorato per ore senza fermarmi! È stata un'esperienza indimenticabile! Esibirsi di fronte ad un pubblico così eterogeneo, dal bambino innamorato dei robot al signore anziano alla ricerca di eleganti figure femminili, è stato entusiasmante. Mentre disegnavo, nonostante all'interno del padiglione regnasse una grande confusione, le persone si fermavano e mi seguivano in silenzio. Alcuni, riprendevano addirittura gli amici che parlavano per non violare quello stato particolare di attenzione. Penso che vedendomi all'opera, gli spettatori si sentissero partecipi della nascita e dello sviluppo dell'immagine, provando alcune sensazioni che solitamente colgo nella solitudine del mio studio, dove vedo come dal nulla, con pochi segni, si generano una figura, uno spazio o un sogno. Forse è per questo che la gente era tanto attenta. Un'opera conclusa, difficilmente può avere un potere di fascinazione simile perché il suo farsi, in un certo senso è già dischiuso.

Il disegno grazie al quale sono stato selezionato è “Il ritorno degli Inca”. Appena finito, non mi sembrava un elaborato particolarmente interessante, ma il riscontro generale che ha avuto mi ha fatto ricredere. Anche il bozzetto preparatorio a matita è stato molto apprezzato. La visibilità che mi ha offerto Romics, mi ha dato l'opportunità di prendere alcuni contatti preziosi. Spero di riuscire a portare questa bella esperienza nella scuola e di coinvolgere i ragazzi del Liceo Artistico Statale di Vicenza nella realizzazione di progetti legati alle proposte avute in fiera. Per scaramanzia non scendo nei dettagli, ma auspico che la cosa abbia uno sviluppo positivo».

Marco Benetti

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1