Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
16 novembre 2018

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

News

01.03.2018

Un dispositivo tutto italiano
per mettere il turbo a Internet

Un dispositivo tutto italiano per mettere il turbo a Internet
Un dispositivo tutto italiano per mettere il turbo a Internet

Promette di mettere il turbo a internet e telecomunicazioni, il dispositivo capace di inviare sulle fibre ottiche segnali complessi, rendendo le comunicazioni molto più efficienti. È una rivoluzione confrontabile a quella avvenuta nell’elettronica grazie a chip più piccoli e potenti.

Dispositivo italiano

Descritto su Nature Photonics, il dispositivo è nato in Italia, dall’istituto TeCIP della Scuola Superiore Sant’Anna e dal Consorzio Nazionale Interuniversitario per le Telecomunicazioni (Cnit).

Progetto europeo Grafene

Coordinata da Marco Romagnoli, dell’Istituto di Tecnologie della Comunicazione, Informazione, Percezione (TeCIP) della Scuola Sant’Anna, e condotta nell’ambito del Progetto europeo Grafene, la ricerca dimostra la fattibilità di un dispositivo molto compatto capace di convertire i segnali da elettronici a ottici: è un modulatore ottico di fase costruito con silicio e grafene, delle dimensioni di circa mezzo millimetro e che può essere ridotto fino a un decimo di millimetro, e soprattutto in grado di trasmettere segnali complessi.

Tempistiche 5 o 10 anni

“La nostra ricerca dimostra che questi dispositivi possono diventare molto piccoli e compatti, e a basso consumo energetico”, ha osservato uno degli autori, Giampiero Contestabile, del TeCIP. Tutto questo potrebbe portare, nel giro di 5 o 10 anni, a comunicazioni in fibra ottica più veloci e potenti, da quelle intercontinentali alle reti di quartiere, così come potrebbe rendere rapidissime ed efficienti le connessioni elettroniche, a partire dai giganteschi supercomputer fino a pc di casa e telefoni cellulari.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1