Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
21 novembre 2018

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

News

09.11.2017

Uber testerà a Los Angeles
i “taxi volanti” nel 2020

Uber testerà a Los Angeles i “taxi volanti” nel 2020
Uber testerà a Los Angeles i “taxi volanti” nel 2020

Uber testerà a Los Angeles un servizio di ‘taxi volanti’, i primi voli dimostrativi nel 2020. Lo ha annunciato Jeff Holden, Chief Product Offi cer di Uber, al Web Summit di Lisbona. Il servizio si chiama UberAIR e fa parte del progetto di aviazione della società chiamato ‘Elevate’: prevede la realizzazione di una rete di piccoli velivoli elettrici, a decollo e atterraggio verticale, che ospitano fi no a 4 persone per condividere spostamenti aerei in aree urbane densamente abitate. Il servizio sarà competitivo nei prezzi. La società stima che una corsa 100% elettrica effettuata ad oltre 300 km orari nei cieli di Los Angeles potrà competere, per prezzo, con la stessa tratta percorsa con UberX, il servizio di auto low-cost che in Italia non è presente. Uber stima, ad esempio, che la durata dei viaggi dall’aeroporto di Los Angeles allo Staples Center, nell’ora di punta, potranno essere ridotti dagli attuali 1 ora e 20 minuti con spostamenti via terra, a meno di 30 minuti attraverso viaggi multimodali. L’obiettivo è rendere uberAIR disponibile diversi anni prima dell’inizio dei Giochi Olimpici di Los Angeles 2028. In vista del progetto, Uber ha stretto un accordo con la Nasa per lo sviluppo di nuovi progetti per la gestione del traffi co senza pilota e di veicoli aerei senza pilota da impiegare in operazioni “sicure ed effi cienti” a bassa quota. E’ la prima partnership di Uber con un’agenzia governativa con l’obiettivo di realizzare una rete di velivoli per il trasporto condiviso su scala mondiale. “UberAIR effettuerà ogni giorno molti più voli sulle città di quanto sia mai avvenuto. Perché ciò avvenga in modo sicuro ed effi ciente è necessario un cambio radicale delle tecnologie per la gestione dello spazio aereo. L’unione delle conoscenze software di Uber e l’esperienza ingegneristica decennale della Nasa in ambito aereo per affrontare questo scenario rappresenta un passo fondamentale per lo sviluppo di Uber Elevate”, spiega Jeff Holden.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1