Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
21 novembre 2018

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

News

15.03.2018

Superdrone misura
battiti cuore in volo

Superdrone misura battiti cuore in volo
Superdrone misura battiti cuore in volo

La tecnologia avanzata potrebbe essere d’aiuto sempre di più in casi estremi, quando la velocità di intervento e di valutazione della situazione sono fondamentali per salvare quante più vite possibile. Per questo, esperti hanno realizzato una serie di droni dotati di supersensori, in grado di misurare da un’altezza di 60 metri da terra la respirazione e la frequenza cardiaca di una persona. A metterli a punto è stata l’University of South Australia, in partnership con le forze di difesa australiane, per aiutare le vittime durante crisi umanitarie. Si tratterebbe di una tecnologia assai importante per i soccorritori in casi estremi. Il responsabile del progetto Jaavan Chahl, docente di sistemi di sensori della Scuola di Ingegneria, spiega sul sito dell’ateneo che la speciale telecamera può ‘sentire’ i battiti del cuore registrando le pulsazioni di circa un millimetro sulla testa. Tecnologia al servizio della vita “In un disastro - scrive Chahl - purtroppo è necessario stabilire delle priorità e di capire chi è ancora vivo e chi sta morendo. La tecnologia permette al drone di mappare un terreno e stabilire le condizioni generali delle persone”. Lo studioso è ottimista sulla capacità della tecnologia di salvare vite in zone di disastri ma non nasconde i timori per il suo potenziale di usi perversi, dallo spionaggio all’utilizzo come arma. “Il timore è che possano essere sviluppati dei robot che prendano di mira le persone”, osserva. Non solo: “Lo stesso software - continua - è in grado di eseguire anche il riconoscimento facciale o di misurare la frequenza cardiaca dopo che la persona è salita per le scale e questa operazione può essere ripetuta per 100 mila persone al giorno”. “Qualcuno - conclude - potrebbe raccogliere i dati e utilizzarli, per cercare di vendere qualcosa, per negare una copertura assicurativa oppure per denunciare una persona al datore di lavoro”.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1