Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
25 settembre 2018

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

News

01.02.2018

Rivoluzione luce, consentirà
a città di essere più connesse

Rivoluzione luce, consentirà a città di essere più connesse
Rivoluzione luce, consentirà a città di essere più connesse

Si prepara per il prossimo futuro una vera e propria ‘rivoluzione della luce’, per consentire alle nostre città di essere sempre più connesse attraverso una rete di comunicazione a basso costo e ridotto consumo energetico. Svilupparla è l’obiettivo del progetto triennale ‘Passion’, avviato dal Politecnico di Milano (con il supporto di Fondazione Politecnico di Milano) insieme a 12 partner internazionali e il finanziamento del programma Horizon 2020 della Commissione Europea sotto l’egida della Photonic Private Partnership Photonics21, con un budget complessivo che ammonta a una cifra pari a 8,5 milioni di euro.

Collo di bottiglia Nell’ultimo decennio si è assistito ad un continuo sviluppo della rete in fibra ottica in ambito metropolitano. Oggi, però, c’è ‘un collo di bottiglia’ nella trasmissione e nell’indirizzamento dell’enorme quantità di dati, dovuto a fattori diversi: drastico aumento degli utenti, dimensione dei contenuti e convergenza con altre reti come quella mobile.

Chiave risolutiva La fotonica potrebbe essere dunque la chiave giusta per riuscire a supportare l’evoluzione dell’intera infrastruttura, ma le tecnologie sfruttate oggi sono ancora quelle tradizionali, che vengono usate per la rete di trasporto a lunga distanza e che risultano attualmente troppo costose e con un elevato consumo energetico.

Approccio alternativo L’approccio di Passion (Photonic technologies for progrAmmable transmission and switching modular systems based on Scalable Spectrum/ space aggregation for future agIle high capacity metrO Networks) “è completamente alternativo, sia a livello di progetto dei componenti e dispositivi sia a livello di architetture e gestione della rete”, spiega Pierpaolo Boffi, docente del Politecnico e coordinatore del progetto.

Sviluppo sostenibile “L’obiettivo di Passion è permettere uno sviluppo sostenibile a livello di costi e consumi energetici, garantendo in futuro nelle nostre città la facile trasmissione e commutazione di un’enorme quantità di dati. Il successo del progetto non solo permetterà di rafforzare la leadership industriale europea nelle telecomunicazioni - precisa Boffi - ma contribuirà all’affermazione di una società sempre più connessa, con importanti ricadute sociali ed economiche”.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1