Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
19 settembre 2018

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

News

01.10.2015

Nuovi i-Phone 6S
e 6S Plus prime code,
buone recensioni

Nuovi i-Phone 6S e 6S Plus prime code, buone recensioni
Nuovi i-Phone 6S e 6S Plus prime code, buone recensioni

Dopo l’editoria digitale, arriva quella virtuale. Il settimanale statunitense ‘New Yorker’, lancia un’app per leggere la rivista sfruttando la realtà virtuale. In pratica si indossano dei visori simili a quelli usati nei videogiochi e si sfogliano le pagine del giornale con gli occhi, avendo la sensazione di avere il magazine tra le mani. L’app per la realtà virtuale è compatibile con il visore Samsung Gear VR che sarà sul mercato a novembre a meno di 100 dollari. In passato Samsung ha firmato accordi con altri media come Netflix, TiVo e Twitch e vari produttori di titoli di videogame. “Perchè leggere la rivista solo con le mani quando potete leggerla con tutta la testa?”, spiega Bradley Tucket, sviluppatore di tecnologia virtuale. “Al New Yorker abbiamo sempre abbracciato le novità tecnologiche, i risultati di questo esperimento sono spettacolari”, aggiunge Bryce Gimmer, responsabile delle innovazioni tecnologiche del magazine. I lettori usati sono quelli Samsung, non si sa al momento se l’app sarà compatibile con visori di altre aziende. Il settore della realtà virtuale è in grande espansione, il mercato è stato invaso da una valanga di dispositivi. Ad aprire le danze sono stati i Google Glass (progetto al momento stoppato), poi sono arrivati i Samsung Gear VR, gli Oculus Rift (i visori comprati da Facebook nel 2014 per 2 miliardi di dollari) mentre Sony ha lanciato Project Morpheus, collegabile alla console PlayStation. Anche Microsoft è della partita con gli HoloLens, un visore che in futuro non troppo lontano ci permetterà di aprire una finestra di Windows o fare una chiamata via Skype, fissando un ologramma proiettato sul muro. Secondo gli analisti di DigiCapital realtà aumentata e realtà virtuale decolleranno davvero entro il 2020: per quella data il mercato potrà raggiungere un valore pari a 150 miliardi di dollari. Se da un lato le notizie diventano virtuali, dall’altro invece i libri cartacei resistono all’attacco degli e-book. A rivelarlo è un’inchiesta del New York Times, secondo cui le vendite di libri cartacei sono in aumento e le case editrici stanno attrezzando i loro depositi per fare spazio ad un numero maggiore di volumi. Le vendite di libri digitali sono in calo. Circa cinque anni fa il mondo dell’editoria ha tremato temendo il futuro incerto dei libri stampati, con i lettori che hanno iniziato a preferire i nuovi dispositivi digitali. Le vendite di e-book sono arrivate ad aumentare fino al 1.260% tra il 2008 e il 2010, mentre le vendite dei formati cartacei sono scese e le librerie hanno iniziato a lottare per non chiudere. L’apocalisse digitale però non è mai arrivata e il volume di vendite di e-book ha rallentato bruscamente. Le vendite di libri digitali, secondo una associazione americana che raggruppa i 1700 maggiori editori, sono diminuite del 10% nei primi cinque mesi del 2015.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1