Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
20 settembre 2018

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

News

08.03.2018

La Tv in steaming arriva già
in 250 milioni di abitazioni

La Tv in steaming arriva già in 250 milioni di abitazioni
La Tv in steaming arriva già in 250 milioni di abitazioni

Sono 250 milioni le case nel mondo in cui si paga l’abbonamento a un servizio di contenuti audiovisivi in streaming, come Netflix o Amazon Video. A dirlo è uno studio di Strategy Analytics, secondo cui gli il numero di abbonamenti a fine 2017 ha raggiunto i 345 milioni, con diverse famiglie che quindi hanno sottoscritto più di un servizio. La cifra spesa ogni mese è in media di 9,46 dollari, il 5% in più rispetto al 2016. Gli analisti prevedono un trend in crescita per i prossimi anni. Stando alle stime, il numero di case in cui sarà presente almeno un abbonamento saranno circa 300 milioni alla fine di quest’anno, per salire a 450 milioni entro il 2022. A livello geografico la penetrazione è più alta negli Usa, con il 59% delle case che ha almeno un abbonamento. Seguono il Canada (51%) e la penisola scandinava con Norvegia (46%), Svezia (45%) e Finlandia (44%). L’Italia è ventesima, con solo l’8% delle famiglie che ha un abbonamento. A confronto, il Regno Unito è al 34%, la Danimarca al 33%, la Germania al 19%, la Francia al 14% e la Spagna al 9%. “I contenuti audiovisivi in streaming stanno rapidamente diventando una parte normale delle opzioni di intrattenimento delle persone”, osserva l’analista Michael Goodman. “L’utilizzo riguarda già circa la metà delle famiglie nei mercati più maturi, e probabilmente raggiungerà questi livelli anche in molti altri mercati in un prossimo futuro”. Per l’esperto “i leader del mercato come Netflix e Amazon trarranno vantaggio da questa tendenza, ma ci sono opportunità importanti anche per le media company che attualmente sono concentrate di più sulla pay tv Servizi come Netflix o Amazon Video in crescita nel mondo tradizionale”.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1