24 marzo 2019

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Il libro della mia vita

31.10.2018

Le divisioni in Alabama
Attuali nel nostro tempo

La copertina del libro
La copertina del libro

BOLZANO VICENTINO

Nel profondo sud degli Stati Uniti, alle prese con gli effetti della crisi del 1929, si svolgono i giochi e le marachelle di Scout Finch, di suo fratello maggiore Jem e del loro amico Dill. I piccoli Finch sono i figli di un avvocato, noto per la sua cortesia e per la sua abilità, che li sta crescendo da solo aiutato dalla severa cuoca Calpurnia. Nonostante i tempi duri, la vita nella cittadina dell’Alabama in cui abitano scorre tranquilla. Ma quando il padre di Scout e Jem, Atticus, assume la difesa d’ufficio di un afroamericano accusato di stupro, si scoprono i pregiudizi e l’odio di un’ America divisa dalla segregazione razziale. Scout è una bambina ribelle che dimostra più buon senso di alcuni degli adulti che la circondano e, attraverso il suo sguardo ironico, veniamo a conoscenza del suo mondo fatto di modi non “da signore”, di prove di coraggio, di lezioni noiose a scuola, di divisioni tra bianchi benestanti, bianchi poveri e neri, diventando così testimoni dell’ipocrisia degli adulti e del coraggio di un uomo, suo padre, che lotta per difendere un uomo innocente dalla ferocia del razzismo. Il punto di vista di Scout permette alla scrittrice di sviluppare diversi temi, tra cui, oltre a quello principale, il rapporto tra il padre e i figli e tra adulti e ragazzi, con la leggerezza propria una bambina, la quale non può rendersi del tutto conto dello scalpore e dello scompiglio che ha provocato nella comunità il difficile caso che sta seguendo il padre. In più Scout si trova ad affrontare la crescita del fratello che non ha più tanta voglia di giocare con lei. È un libro che ho letto due anni fa e che ho adorato per il modo in cui sono esposti gli argomenti trattati. Mi ha fornito, inoltre, molti spunti di riflessione sui cambiamenti in atto nella società di quell’epoca e sulle divisioni passate e ancora presenti ai giorni nostri. Quando non so cosa leggere lo prendo dallo scaffale e rimango sempre affascinata dal piccolo e contemporaneamente grande mondo di Scout.

Testo inviato dalla biblioteca di Bolzano Vicentino

Ilaria D’Antuono
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1