Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
18 novembre 2018

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Il libro della mia vita

04.09.2018

La fotografia in copertina
racconta storie e ricordi

La copertina del libro
La copertina del libro

BRENDOLA

«Crediamo di scegliere un libro, invece è il libro a scegliere noi». Entro spesso in libreria, osservo i testi esposti e incuriosita, leggo titolo e trama. Questa volta però, è stata una foto in copertina a catturare la mia attenzione rispolverando i ricordi di una piacevole vacanza trascorsa nella splendida Val Venosta. Se è vero che le immagini sono più potenti delle parole, quello scatto è riuscito a narrare con estrema efficacia, l'intero romanzo "Resto qui" di Marco Balzano (Einaudi editore). Fotografia significa "scrivere con la luce" ed è proprio intorno a quel campanile che viene alla luce la dolorosa vicenda di una comunità, dove la storia intima e personale di una famiglia, si alterna a pagine di storia che hanno segnato profondamente il nostro Paese. È un racconto ricco di umanità e di speranza, di saldi valori come l'attaccamento alla terra natia, alla famiglia, alla vita. Tutto accade durante il ventennio fascista e negli anni successivi al secondo conflitto mondiale. La voce narrante è quella di Trina, donna, madre, maestra elementare che nonostante una serie di vicissitudini, lotta e resiste. Non c'è tempo per fermarsi, "Se Dio ci ha fatto gli occhi davanti, ci sarà un motivo! È in quella direzione che bisogna guardare, altrimenti li avremmo di lato, come i pesci!". Una donna capace di sfidare, prima la miseria, quella più nera, e poi la morte, rimanendo sempre accanto al marito disertore. Le parole sono la sua forza.Non ha paura Trina, neppure quando le acque della diga inondano la sua terra e i borghi del suo paese. Tutto scompare, sommergendo storie, vissuti, ricordi. Per molti, e lo è stato anche per me, il campanile che emerge dal lago artificiale è un fatto singolare, l'occasione per scattare un selfie originale e proseguire poi il viaggio. Dopo aver letto questo romanzo, la mia visione è cambiata. Quando ritornerò a Curon, guarderò il campanile che svetta dal lago di Resia con occhi diversi, consapevole della storia immensa che custodisce .

Testo inviato dalla biblioteca di Brendola

Barbara Pozza
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1