19 marzo 2019

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

News

12.01.2012

Cantina sociale
di Gambellara
Fatturato
oltre i 6,5 milioni

In tempi di crisi, aumentare dell'8% il fatturato è un risultato di tutto rispetto. Succede alla Cantina sociale di Gambellara, la più antica cooperativa vicentina di viticoltori, che nel corso dell'ultima assemblea generale ha approvato all'unanimità il bilancio e riconfermato il Consiglio di amministrazione ed il presidente Luciano Arimini.
I numeri, relativi alla stagione 2010, delineano un quadro incoraggiante pur in un contesto generale difficile: un fatturato di 6.546.298 euro, in crescita sul 2009, mentre a 340 soci sono stati versati per il conferimento dell'uva 3.480.079 euro, +9% rispetto alla stagione precedente. Invece, i soci complessivi sono 395. I quintali di uve conferite, dalla Garganega, il vitigno principe di queste parti, al Pinot passando per il Cabernet, sono stati 132.960 nella vendemmia 2010, il che significa oltre 9 milioni di litri di varie tipologie di vini, per il 90% bianchi, dal Recioto al Gambellara Classico, dal Prosecco al Durello. La vendemmia di quest'anno con 128.816 quintali ha visto una flessione del 3%, a fronte di una diminuzione a livello regionale pari al 10%. I prezzi pagati per le uve ai produttori sono in leggera crescita, +3,77% in media rispetto alla stagione 2009.
Qualche esempio: 28 euro al quintale per la Gambellara Doc, 37 per la Chardonnay, 63 per il Pinot grigio. Il prezzo medio è di 26,5 euro; sono 15 le tipologie di uva trattate dalla Cantina, 28 le etichette prodotte. La Cantina di Gambellara ha fatto anche investimenti per 2,8 milioni di euro (la Regione ha contribuito per il 30%) che hanno riguardato il nuovo punto vendita, la barriqueria e l'adeguamento degli impianti di pigiatura e spumantizzazione. «Per riuscire a restare competitivi - dice il presidente - il contributo più importante arriva dai soci viticoltori: la qualità nel vigneto è la base per i vini di qualità».© RIPRODUZIONE RISERVATA

Enrico Maule
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1