Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
25 settembre 2018

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Gusto

05.07.2018

Vino e sapori di
12 Strade per
rilanciare il turismo

Il coordinamento regionale delle Strade del vino e dei prodotti tipici veneti
Il coordinamento regionale delle Strade del vino e dei prodotti tipici veneti

Il vino è un volàno per il turismo nel Vicentino e in Veneto. È un elemento di richiamo in grado di muovere masse di appassionati, capaci di andare alla scoperta dei territori a vocazione vitivinicola per approfittare delle occasioni di confronto con realtà che abbinano l’enologia alla gastronomia e per scoprire le bellezze artistiche e culturali. Questo l’hanno capito bene i Consorzi di promozione e/o di tutela: la dimostrazione arriva da dodici Strade del vino che si sono riunite in un unico Coordinamento regionale, per «fare squadra così da avere più forza nella promozione e nella valorizzazione di un comparto, quello enoturistico, strategico per l’economia veneta». A questa nuova associazione dedico la puntata settimanale dell'Angolo del Sommelier. Il battesimo della nuova realtà è avvenuto nella cantina Monte Tondo a Soave, con padrino dell’evento Francesco Antoniolli vicepresidente del Coordinamento nazionale delle Strade del vino, dell'olio e dei sapori nonché presidente della Strada del vino e dei sapori del Trentino. Paolo Menapace (presidente della Strada del Vino Soave) e Isidoro Rebuli (presidente della Strada del Prosecco e vini dei Colli Conegliano Valdobbiadene) sono stati nominati, con incarico che durerà tre anni, rispettivamente presidente e vice del Coordinamento regionale delle Strade del vino e dei prodotti tipici del Veneto di cui fanno parte le Strade dei vini Arcole Doc, Colli Berici, Colli Euganei, Lessini Durello, Doc Lison Pramaggiore, Prosecco e vini dei Colli Conegliano Valdobbiadene e le Strade del Radicchio Rosso di Treviso, del Recioto e dei vini Gambellara Doc, del Riso Vialone Nano Veronese Igp, del vino Soave, del Torcolato e dei vini di Breganze, nonché del vino Valpolicella. Il comitato di gestione del coordinamento regionale è formato, oltre che da Menapace e Rebuli, anche da Franco Zanovello (presidente Strada del vino Colli Euganei), Rino Polacco (presidente Strada del vino Colli Berici), Cristian Zulianello (presidente Strada vini Doc Lison Pramaggiore). La sede del coordinamento regionale sarà a Soave per i prossimi tre anni. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1