Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
17 novembre 2018

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Gusto

27.07.2014

Il baccalà "basilicale"

Crostino con baccalà
Crostino con baccalà

Per celebrare la Basilica palladiana diventata “monumento nazionale” un cuoco vicentino crea un piatto ad hoc. Anzi, è un piatto composito. Si tratta, infatti, di un'idea complessa che prende lo spunto dal piatto che è il simbolo della cucina vicentina: il baccalà, o più correttamente lo stoccafisso (che nel Vicentino, unico caso al mondo, è battezzato appunto così). A Enzo “Penacio” Gianello, cuoco nato professionalmente nell'Osteria di famiglia a Soghe di Arcugnano ma ora trasferitosi ad Altavilla con il suo “L'altro Penacio”, è venuto in mente di mettere assieme i due simboli della vicentinità: il pesce-bastone, come lo chiamava Virgilio Scapin, e il monumento palladiano. Ne è nato il “baccalà basilicale”, che riassume molte preparazioni legate, appunto, al baccalà. Esattamente sette, che rappresentano altrettante variazioni sul tema.
Si inizia con lo stoccafisso crudo: tagliato a fettine e servito con verdurine, rigorosamente crudo. Si passa poi al baccalà fritto per poi fare un passo in avanti e passare al baccalà impanato. (...)

Leggi l’articolo integrale sul giornale in edicola

Antonio Di Lorenzo
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1