Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
13 dicembre 2018

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Gusto

09.07.2012

Cuochi e bollicine vicentine al gala del tennis in Istria

Il brut “Bellaguardia”
Il brut “Bellaguardia”

Alla cena di gala in onore del torneo “Open” di tennis della Croazia, che si terrà a Umago domenica 15, saranno protagonisti celebrati nomi vicentini. I cuochi, infatti, saranno i fratelli Nicola e Pierluigi Portinari, titolari de “La Peca” di Lonigo. Inoltre, il vino che aprirà la cena sarà il brut della Cantina “Bellaguardia” di Montecchio Maggiore, creatura di Isidoro Maccagnan e Marco Caltran, che nelle grotte (chiamate “priare” perché un tempo erano una cava di pietra) sotto il castello di Giulietta hanno realizzato un locale naturale di affinamento delle loro bollicine.
La cena di Umago è particolarmente importante perché il 23° torneo di tennis Vegeta Atp Croatia Open si svolge sotto gli auspici del Presidente della Repubblica di Croazia.
Il torneo comprende anche l'Atp Party Nights e l'Istria Gourmet Festival. Il primo evento comprende cento ore di programmi musicali, mentre l'Istria Gourmet Festival raccoglie i migliori ristoranti istriani, i produttori di vino e olio d'oliva, con la partecipazione di cuochi internazionali. Il torneo di Umago è  visitato da più di 80.000 persone, di cui oltre 15.000 alle finali.
Dal 2008 Nicola e Pierluigi Portinari hanno ricevuto la seconda stella Michelin, come riconoscimento dell'alta qualità del loro lavoro: La Peca, che in dialetto significa l'impronta, è aperta da ventidue anni.
La Cantina “Bellaguardia” a Montecchio Maggiore produce uno di più interessanti brut non solo del Vicentino, lodato anche dal “gastronauta” Davide Paolini.
ZONIN. Una serata sotto le stelle di mezza estate, note armoniose di musica jazz e momenti piacevoli di convivialità all'insegna di eleganti bollicine e vini raffinati. È il programma della serata di giovedì 12, con inizio alle 19 all'Enoteca della Casa Vinicola Zonin a Gambellara.
Nel corso della serata sarà allestita una mostra di due artisti croati, vicentini di adozione da vent'anni: Butorac Zlatko e la moglie Ljiljana, in continua evoluzione tra figurativo, astratto e scultura.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1