Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
mercoledì, 26 settembre 2018

Vota il "vicentino" del mese

In alto Laura Dalla Gassa e Bertillo Conte, sotto Giovanni Quarisa (a sx) e Federico Zilio

Elena Vallortigara, giovane atleta di Schio, specialista del salto in alto, ha avuto ragione di Giuseppe Iannucci, primario di neuroradiologia all’ospedale San Bortolo. La “competizione” non ha però avuto luogo in qualche campo di atletica, bensì sul sito internet del Giornale di Vicenza, all’interno del sondaggio che accompagna i lettori da alcuni mesi. A loro si chiede infatti di votare, tra quattro figure proposte di volta in volta, quale sia quella più rappresentativa del mese appena trascorso sulle cronache vicentine. Quale sia insomma il personaggio del mese, non necessariamente con natali nella provincia berica, ma che abbia comunque dato lustro al Vicentino nel proprio settore di competenza. Dopo un serrato testa a testa, Elena Vallortigara ha raggiunto il 55 per cento delle preferenze, mentre il medico Iannucci si è fermato al 43 per cento. Più distanziati Nicole Pizzato e Paolo Scaroni.

 

VOTA IL SONDAGGIO

 

Archiviato il mese di luglio, è tempo di una nuova quaterna di personaggi di cui il Giornale di Vicenza si è occupato durante l’agosto scorso. Partiamo, in ordine alfabetico, da Bertillo Conte, che presiede e gestisce una clinica del tutto particolare: si tratta idel Centro recupero animali selvatici aperto a Villabalzana, frazione di Arcugnano. La seconda candidata al ruolo di “Personaggio del mese” è Laura Dalla Gassa, infermiera di Arzignano, che durante le proprie vacanze nel Salento ha contribuito in maniera determinante a salvare la vita a un ragazzo colpito da un fulmine. Segue Giovanni Quarisa di Bassano, che dall’alto dei suoi 109 anni è il carabiniere più longevo del Veneto. L’hanno festeggiato la famiglia e le più alte cariche dell’Arma venete e vicentine. Infine Federico Zilio, giovane piovenese, chiamato in un prestigioso centro canadese a studiare le possibilità della filosofia applicata alla cura dei disturbi mentali.