Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
16 novembre 2018

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

News

14.12.2012

Obbligatorio soccorrere gli animali investiti

Dal 27 dicembre sarà obbligatorio soccorrere gli animali investiti
Dal 27 dicembre sarà obbligatorio soccorrere gli animali investiti

ROMA. Adesso non ci sono più scuse se non si soccorre un animale in strada: dal 27 dicembre,  dunque in pieno periodo di viaggi di fine anno, entra in vigore il decreto attuativo del  ministero dei Trasporti. Il provvedimento rafforza dunque il cambiamento del Codice della Strada  che - dall'estate 2010 - aveva già fissato l'obbligo di fermarsi in caso di incidente con un  animale.   Il decreto è stato infatti pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 289. «La norma ha preso atto  del cambiamento del sentire comune sul dovere di prestare soccorso anche agli animali e le  sanzioni irrogate fino ad oggi per le violazioni sono state un esempio positivo per  automobilisti e polizie locali - hanno detto Gianluca Felicetti, presidente LAV, e Carla Rocchi,  presidente dell'Enpa -; nel decreto siamo riusciti a far inserire il pieno riconoscimento del  privato cittadino che porta per dovere civico un animale incidentato in un ambulatorio  veterinario, la necessità di intervento anche ai fini della tutela dell'incolumità pubblica e il  pieno riconoscimento dell'attività delle Guardie zoofile. Ora le Regioni e i Comuni devono  rafforzare i propri compiti di intervento già previsti da altre normative».  Il decreto ministeriale fissa, fra l'altro, le caratteristiche delle autoambulanze veterinarie  le cui attrezzature specifiche saranno individuate dal Ministero della Salute, la certificazione  anche successiva dello stato di necessità di intervento sull'animale da parte di un veterinario  e gli stati patologici che fanno scattare questo riconoscimento cioé: trauma grave, ferite  aperte, emorragie, alterazioni e convulsioni.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1