Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
18 novembre 2018

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

News

03.08.2018

Le iene scoprono i giochi d'acqua per combattere il caldo

Non solo ghiaccioli, frutta fresca, bagni di fango e tuffi nell’acqua delle vasche per gli animali del Parco Natura Viva di Bussolengo (Verona), impegnati in questi giorni ad affrontare il caldo estivo.

Le iene maculate - che solitamente dormicchiano all’ombra nelle ore più afose - ieri pomeriggio non si sono lasciate sfuggire l’utilità della girandola d’acqua che tutti i giorni innaffia il loro reparto. Per una buona mezzora, spiati dall’occhio della telecamera di sorveglianza, i tre  giovani maschi si sono cimentati in giochi e acrobazie di gruppo sotto il getto d’acqua che proveniva dall’alto, con la difficoltà di doverlo seguire prima che scomparisse e ricomparisse nella sua traiettoria circolare.

«Generalmente apriamo le girandole quando gli animali sono già rientrati nei propri reparti interni, al termine della giornata, spiega Caterina Spiezio, responsabile del settore ricerca e conservazione del Parco Natura Viva di Bussolengo. «Ma ieri abbiamo pensato di farlo in loro presenza, nel caso potessero essere d’aiuto per affrontare la calura: solo una girandola per reparto, cosìcchè potessero scegliere cosa fare, pronti a chiuderla nel caso avessimo osservato dei disagi. E così le iene, ma anche i leoni, non solo non hanno evitato il getto d’acqua, ma lo hanno cercato. I tre fratelli di iena in particolare sembrano essersi divertiti moltissimo e hanno mostrato tutta la socialità di cui questa specie è capace. Dare agli animali la possibilità di scegliere ci fa capire di cosa hanno bisogno, di cosa sono capaci e quali emozioni provino”.
La iena maculata è inserita nella Lista Rossa IUCN e oggi vive in popolazioni riproduttive in diversi stati dell’Africa Sub-sahariana. La più grande si trova nell’ecosistema del Serengeti e nel Kruger National Park: la maggior parte delle popolazioni che si trovano nelle aree protette del Sudafrica sono considerate stabili, mentre molte di quelle in Africa orientale e occidentale risultano in declino, in seguito a trappolamento e avvelenamento.

 

Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1