Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
12 novembre 2018

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

A tu per tu con AIM

02.06.2016

Canone Rai in bolletta:
sembra facile,
ma meglio documentarsi

La Legge di stabilità 2016 ha modificato la normativa sul canone tv introducendo sostanziali novità rispetto al passato quando si pagava direttamente la RAI con un bollettino postale o in banca. Queste le principali novità. Se sei intestatario di un’utenza di energia elettrica nell'abitazione in cui hai la residenza, e possiedi una tv o un apparecchio in grado di ricevere trasmissioni televisive, il canone RAI ti verrà addebitato a rate direttamente nella bolletta della luce.

L’importo del canone annuo ordinario, pari a 100 euro, sarà suddiviso in quote mensili di 10 euro addebitate in bolletta, da gennaio a ottobre. Nella bolletta troverai una voce specifica che indica l'importo relativo alle rate del canone. Solo per il 2016, il primo addebito delle rate già maturate, sarà imputato in un’unica soluzione nella bolletta di luglio. L’importo residuo sarà addebitato nelle bollette successive.

Il canone si paga una volta sola: vale per tutti gli apparecchi che possiedi tu e che possiedono i componenti della tua famiglia anagrafica, a prescindere da quanti apparecchi si trovino nella casa di residenza, o in un'altra casa.

Richieste di esenzione

Per chi non possiede un televisore, l'Agenzia delle Entrate ha pubblicato il modello di autocertificazione per richiedere l’esenzione dal pagamento del canone. Il modello può essere presentato anche per segnalare eventuali altri casi di esenzione.

Questa dichiarazione va presentata ogni anno. Il 16 maggio scadeva il termine ultimo per l’anno corrente, sia per l'invio attraverso raccomandata con ricevuta di ritorno che online sul sito dell'Agenzia delle entrate. Il modello va inoltrato ogni anno dal contribuente, o dall'erede, utilizzando un'applicazione web, disponibile sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate, oppure tramite gli intermediari abilitati (Caf, commercialisti, consulenti del lavoro).

In alternativa, il modello va inviato per posta, in plico raccomandato senza busta e insieme a copia di un documento di riconoscimento, all'indirizzo: Agenzia delle Entrate Ufficio di Torino 1, S.A.T. – Sportello abbonamenti tv – Casella Postale 22 – 10121 Torino.

Atenzione però: le dichiarazioni non devono essere presentate al proprio venditore che non ha alcun titolo a riceverle e non può quindi tener conto di quanto dichiarato.

Per verificare i termini dell’invio, per scaricare il modello e per ogni ulteriore informazione, ti invitiamo a consultare i siti della RAI e dell’Agenzia delle Entrate o a chiamare il numero verde 800 938362.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1