martedì, 22 gennaio 2019
CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

09.08.2012

Valdastico Nord, “sì” dalla Regione

Un particolare del  rendering del progetto della Valdastico Nord all'altezza del Comune di Pedemonte.  ARCHIVIO
Un particolare del rendering del progetto della Valdastico Nord all'altezza del Comune di Pedemonte. ARCHIVIO

Vicenza. Un altro passo verso la Valdastico Nord: il progetto è stato approvato dalla Regione Veneto. Il parere sul tracciato è stato inviato al ministero dell'Ambiente e al Cipe. Un passaggio importante che recepisce la posizione della Commissione regionale per la valutazione di impatto ambientale (Via). Quest'ultima ha analizzato le numerose osservazioni al progetto e ha definito precise prescrizioni. Intanto, prosegue il tavolo politico-tecnico tra Regione e Provincia di Trento. L'assessore regionale alle infrastrutture, Renato Chisso, si dice «ottimista».
IL PROGETTO. Il progetto del prolungamento a Nord dell'A31 da Piovene Rocchette a Besenello, Trento, a firma autostrada Serenissima è al vaglio di tutti gli enti interessati. La sede è quella della Conferenza dei servizi. Decorso il tempo delle osservazioni al progetto, continua ora la fase dei pareri che vengono espressi non solo dagli enti e dalle istituzioni coinvolte, ma anche delle commissioni di valutazione di impatto ambientale. Quindi analisi puramente tecniche. Ieri da Venezia è stata resa nota quella espressa dalla commissione di esperti veneti per la Regione. Una posizione che è stata sposata in pieno dalla giunta Zaia che ha quindi dato il suo via libera al progetto. «Nell'esprimere il parere - ha sottolineato Chisso - la giunta ha preso atto, facendolo proprio, il parere favorevole all'unanimità della Commissione Via, subordinandolo al rispetto di una serie di prescrizioni e raccomandazioni».
La Commissione Via, in particolare, in quel documento di 50 pagine, ha preso in considerazione i vari aspetti tecnici del tracciato. Tra questi anche quelli che riguardano il rischio frane imponendo di prevedere «opere di disgaggio» per dare stabilizzazione ed eventuali monitoraggi. Non solo. Sono state recepite alcune osservazioni che prendono in considerazioni delle alternative al progetto «perché risolvano molteplici criticità individuate rispetto al primo tratto dell'infrastruttura».
Il provvedimento regionale verrà ora trasmesso al ministero dell'Ambiente come parere del Veneto nella procedura nazionale di valutazione d'impatto ambientale, e al Cipe per l'approvazione definitiva del progetto. Al Ministero dell'Ambiente sarà anche trasmessa, un'ulteriore osservazione del Comune di Cogollo del Cengio, pervenuta oltre i termini
IL TAVOLO. Intanto, sul fronte politico si continua a lavorare per superare il “muro” della Provincia di Trento, contraria all'opera. Qualche giorno fa, Trento ha annunciato il ricorso alla Corte Costituzionale contro il Governo Monti che ha appoggiato la Valdastico Nord in sede Europea. Questo tuttavia pare non aver influito sull'andamento dei lavori del tavolo tecnico-politico tra Regione Veneto e Trento.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Cristina Giacomuzzo
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Salvini vorrebbe reintrodurre l'obbligo del grembiule a scuola, almeno per le classi elementari: sei d'accordo?
ok

Avvenimenti 2018

Sport

VIAGGI