giovedì, 17 gennaio 2019
CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

14.03.2013

L'autobus serale si chiama con l'sms

Un bus e un minivan del servizio serale di Aim che si potranno chiamare con un sms a partire da lunedì
Un bus e un minivan del servizio serale di Aim che si potranno chiamare con un sms a partire da lunedì

VICENZA. Alla sera il bus non si aspetta più, ma si prenota inviando un sms. È questo il nuovo servizio di Aim Mobilità che partirà da lunedì. Si tratta dell'unico caso in Italia di trasporto pubblico notturno a chiamata. Si parte ora in modo sperimentale per tre mesi: lungo le linee 1, 2, 5, 8, si potrà arrivare in una delle 176 fermate senza necessità di cambiare o di aspettare le coincidenze al costo di due euro. «Questa è vera innovazione. E adesso non si torna più indietro perché i vantaggi sono tanti: si risparmia perché non si fanno viaggiare vuoti gli autobus, si inquina meno ed è comodo. Basta un sms». Così ieri l'Amministratore unico di Aim spa, Paolo Colla, alla presentazione dell'iniziativa. All'incontro, nella sede di contrà San Pedemuro San Biagio anche l'au di Aim Mobilità, Pio Saverio Porelli, insieme a Guido Campra del Consorzio Movincom e a Marco Guarda per la Magic bus di Altavilla che assicura: «Gli utenti di Aim viaggeranno al top del comfort: i mezzi, minivan e mini bus, sono di marche prestigiose».
TAGLI E RISPARMI. L'idea nasce per rispondere alle esigenze di mobilità di trasporto pubblico nelle ore serali dovendo far fronte a pesanti tagli ai trasferimenti regionali per il settore. L'obiettivo è quello di riuscire a risparmiare in un anno 120 mila euro offrendo ai 40 mila utenti serali di Aim un servizio efficiente. Il progetto è stato approvato dalla Regione e costerà per questa prima fase 38 mila euro. Funzionerà dalle 20.30 alle 23.30.  
COME SI FA. Da lunedì non ci sarà più il bus di linea che ciclicamente percorrerà l'itinerario, di fermata in fermata. Il passaggio avverrà su richiesta, tramite sms e l'utente che verrà trasportato fino alla fermata richiesta.
Tutti i particolari nel Giornale in edicola
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Cristina Giacomuzzo
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Salvini vorrebbe reintrodurre l'obbligo del grembiule a scuola, almeno per le classi elementari: sei d'accordo?
ok

Avvenimenti 2018

Sport

VIAGGI