lunedì, 22 ottobre 2018
CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

06.07.2012

L'Africa di Rosso: «Investo
nei topi che salvano vite»

Un operatore di Apopo guida il topo su un campo minato in Mozambico
Un operatore di Apopo guida il topo su un campo minato in Mozambico

Renzo Rosso sta girando per le strade di Parigi alla ricerca di edifici adatti a ospitare nuovi negozi Diesel. E siccome è uno dei pochi in grado di pensare e fare cinque o sei cose contemporaneamente, ecco che, tra una passeggiata nel Marais e una tappa al Café de Flore lungo il boulevard Saint-Germain, posta la sua ultima idea rivoluzionaria su facebook: investire un centinaio di migliaio di euro per allevare topi. EROGAZIONE. Più che investimento, in verità, si tratta di un'erogazione benefica approvata da Only The Brave, la fondazione voluta da Rosso per sostenere i progetti coraggiosi, innovativi e sostenibili in giro per il mondo, con un'attenzione particolare all'Africa. «Non ci poteva sfuggire quello che sta facendo l'impresa sociale Apopo - attacca il boss della Diesel - e che si sposa benissimo con la filosofia di Only The Brave. Non si può non provare ammirazione, e sostenere economicamente, chi è riuscito ad addestrare i topi per scoprire le mine disseminate nei campi del Mozambico e pure per identificare i pazienti affetti da tubercolosi». TOPI. Piano, qui c'è il rischio di perdere il filo. Topi che sminano i terreni e che scoprono chi è effetto da Tbc? «Proprio così - risponde Renzo Rosso -. E stiamo parlando di un progetto serio, molto efficace, economicamente conveniente rispetto ai mezzi tradizionali e caratterizzato dalla rapidità di esecuzione. Tanto per dare un'idea, il team di Apopo nel Mozambico è riuscito, grazie ai ratti, a restituire ai contadini oltre 4,2 milioni di metri quadri di terreno. Senza dimenticare il fatto che uno di questi topi addestrati riesce a valutare 40 campioni di saliva di possibili malati di tubercolosi in soli sette minuti». FONDAZIONE. A Rosso è bastato ascoltare da Bart Weetjens le caratteristiche di questo straordinario progetto per convincersi che la Fondazione Only The Brave avrebbe speso bene 100 mila euro destinandoli all'addestramento di 50 nuovi ratti per l'operazione sminamento in Mozambico e per l'analisi della tubercolosi in Tanzania. «Quell'ingegnere belga - rivela adesso Rosso - sta davvero facendo delle cose eccezionali e perfettamente in linea con quelli che sono gli obiettivi della nostra fondazione. Dico la verità: mai avrei immaginato che un giorno avrei destinato parte delle mie risorse per allevare e addestrare dei topi. L'impresa sociale Apopo mi ha fatto cambiare idea». TEAM. Il problema è che mettere in piedi un team in grado di “allenare” questi ratti e poi guidarli sul campo non è così semplice. Attualmente Apopo, fondata appunto da Weetjens, impiega oltre 200 persone. L'ingegnere belga ha avuto questa idea leggendo un articolo sulle particolari doti olfattive dei topi. Da lì ha sviluppato una tecnica particolare di addestramento che ha garantito risultati incredibili ADDESTRAMENTO. Per preparare quello che in inglese viene definito un “Detection Rat” ci vogliono almeno nove mesi. Attualmente Apopo ha un gruppo di circa 200 topi utilizzabili nei campi minati e negli ospedali per individuare i pazienti affetti da tubercolosi, una malattia che causa circa 1,7 milioni di morti all'anno. Per quanto riguarda le mine, nel mondo ci sono 66 paesi alle prese con questo problema e con le terribili conseguenze in quanto a morti e feriti. I topi si sono dimostrati efficaci e rapidi nel trovare soluzioni definitive. «Siamo rimasti impressionati da come anche i topi possono migliorare il mondo - conclude Rosso -. Benvenuti in Only The Brave».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Marino Smiderle
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Stanno facendo discutere le maxi sculture dei leoni di San Marco: dopo Trissino ora è la volta di Arzignano. Cosa ne pensate?
ok

Avvenimenti 2018

Sport

VIAGGI