martedì, 22 gennaio 2019
CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

03.09.2012

Botte e vetri rotti vicino al Menti
prima della partita, «bimbi in fuga»

Agenti di polizia controllano i tifosi fuori dallo stadio Menti durante una partita “a rischio”. ARCHIVIO
Agenti di polizia controllano i tifosi fuori dallo stadio Menti durante una partita “a rischio”. ARCHIVIO

Vicenza. Una trentina di ultras biancorossi, tutti con bottiglie e lattine di birra in mano che aspettano le auto dei tifosi del Cesena. Segue lancio delle bottiglie, scarpate alle auto, un parabrezza in frantumi, inseguimenti e un papà con due figli piccoli che scappa terrorizzato dentro una pizzeria fra i cocci di vetro che gli volano intorno. «Una violenza inaudita, mio figlio piccolo piangeva» racconta adesso. Ma soprattutto si chiede se non si poteva fare qualcosa di più per impedire quei minuti di follia sabato sera prima della partita poco dopo le 20 davanti alla pizzeria Al Picchio d'oro di via Trissino. A due passi dallo stadio. Polizia e carabinieri sono arrivati qualche minuto dopo, a dire il vero, avvisati di quel parapiglia. Ma era troppo tardi: c'erano solo i pezzi di vetro per terra. Nessun verbale, nessuna denuncia: tutti spariti.  Resta il racconto di quel padre di 51 anni di Vicenza che voleva solo portare i suoi due figli di 8 e 5 anni a prendere le pizze, come fa al sabato sera. «Ho visto subito che c'era un gruppetto di persone, forse una trentina, dall'altra parte della strada, dove c'è un kebab. Avevano bottiglie e lattine di birra in mano. Sembravano stessero  aspettando qualcuno».  E infatti poco dopo sente un urlo: «Eccoli!». E scatta l'assalto: arrivano alcune auto, forse tre dallo stadio in direzione cavalcavia di viale della Pace. E gli ultras si piazzano in mezzo alla strada: «Hanno bloccato la prima auto - racconta -, colpita a calci, le hanno lanciato contro bottiglie e lattine, mezzo parabrezza si è frantumato. Il guidatore ha accelerato ed è riuscito a scappare. E quasi travolgono me e i miei figli».  Non è finita: qualcuno scappa a piedi verso il cavalcavia, lo inseguono, intanto volano altre bottiglie, colpiscono alcune macchine parcheggiate: «Ci hanno sfiorato, se ci prendono in testa ci ammazzano. Ho trascinato i bambini dentro la pizzeria, il più piccolo piangeva. Intanto gli ultras se n'è sono andati verso lo stadio. Dopo una decina di minuti sono arrivati polizia e dei carabinieri, ma era troppo tardi». Adesso, superata la paura, resta la rabbia: «Ho letto di quell'ordinanza che vieta di vendere alcolici intorno allo stadio - dice -. Ora mi domando: perché non c'era nessuno a controllare? Perché così vicino al campo non c'erano forze dell'ordine?». Non sembrano domande sbagliate: se volano birre e botte a 200 metri dal Menti poco prima di una partita, qualcosa forse è mancata.

Alessandro Mognon
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Salvini vorrebbe reintrodurre l'obbligo del grembiule a scuola, almeno per le classi elementari: sei d'accordo?
ok

Avvenimenti 2018

Sport

VIAGGI